Project Description

Prima o poi succede a tutti. Basta essere un utente medio del web per finire, magari proprio nel mezzo di una ricerca, in quei vicoli ciechi detti Error 404 o Pagina non trovata 404 (Not found in inglese). Questo tipo di schermate avverte che si sta provando a raggiungere una pagina web che il server non trova. Succede quando la pagina è stata rimossa o trasferita e l’Url non è stato aggiornato. In parole semplici, l’error 404 sta a significare che la pagina web al momento non esiste. L’avviso può comparire con diverse espressioni:

  • error 404 Non trovato
  • L’URL richiesto non esiste su questo server
  • HTTP 404 Non trovato
  • error 404 Pagina non trovata

Scritta in inglese o in italiano, il concetto è sempre lo stesso: fine della ricerca online per il visitatore e perdita di un cliente, o comunque di un prezioso click, per il web manager o il possessore del sito. Cosa fare per togliersi, fino a problema tecnico risolto, dall’impaccio? Il lato positivo è che la pagina non trovata 404 può essere personalizzata da chi detiene il dominio del sito. E solitamente l’ironia la fa da padrona, l’unica in grado di sdrammatizzare una situazione di impasse di questo tipo. Dal gioco stile packman che ti permette di fare una pausa, alle animazioni ipnotiche a “chi ha rubato la pagina? È stato Chuck Norris”, la creatività si scatena dando un nuovo senso anche a un punto morto della rete e rimandando al homepage del sito.

 

C’è anche chi ha proposto di usare la paginaerror404 per un impegno umanitario che centra proprio con chi è scomparso veramente: si tratta del NotFound.org, un’iniziativa molto intelligente nata in collaborazione con Telefono Azzurro, Missing Children Europe, Famous e Amazon che propone – ad oggi i siti coinvolti sono più di 5.000 – di collegare la pagina 404 a un’applicazione che segnala tramite un banner, munito di foto e descrizione, uno dei tanti bambini che annualmente scompare in Europa.

 

Ecco una serie di pagine 404 error più geniali del 2015:

 

  • Pagina non trovata. Neanche Benedetta Bieinamé. Da notfound.org

1notfound

 

  • Sappiamo chi ha la pagina: ce l’ha Chuck Norris e non vuole ridartela.

2norris404

  • Rotolo di carta igienica: pagina non trovata.

3rotolocartigienica

  • La pagina non trovata è ricercata (wanted).

4wanted

  • Pagina non trovata di AirbnbSchermata 2016-02-10 alle 15.00.25.

 

  • Pagina non trovata con la tipica grafica di un livello di gioco di Super Mario Nintendo.

6supermario

  • Il link è “rotto” (broken link).

7brokenlink

  • Pagina non trovata di Facebook con dito incerottato.

8facebookdito

  • Simpatica trovata del tipico calzino perso.

9calzino

  • Pagina sparisce come un fantasma.

10fantasma

  • Pagina non trovata di Dropbox con il logo Db alla Escher.

11Dropbox-404-error-pages

  • Urlo di Homer Simpson per la Pagina non trovata.

12homer

  • Approfitta del 404 per fare un salto negli anni 80 e fare una partitina a packman.

Schermata 2016-02-10 alle 15.00.34

  • Pagina non trovata sponsorizzata dai Lego.

14lego

  • Pagina non trovata stile luogo del crimine.

15.404-not-found-error_stilegiallo

  • Pagina non trovata che riprende il video virale sul verso delle capre.

16capre

  • Ti sei perso? Citazione dalla serie cult Lost.

17.blue-daniel-404-page

  • Pagina non trovata di Year in Music di Spotify. Sorry di e da parte di Justin Bieber.

18spotify-404-page

  • Error 404 da intenditori

Schermata 2016-02-10 alle 15.08.48